WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 73: A plate, Deruta, first half of the 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
Looking for the realized and estimated price?

Description: PIatto Deruta, prima metà del sec. XVI Maiolica Diametro cm 40 Una incrinatura e connessioni Provenienza: dalla antica collezione di Gertrude Pitt, come attesta una vecchia etichetta cartacea, molto rovinata, apposta sul verso, che porta l’indi- cazione a stampa di un catalogo di vendita “Thur- sday D....MBER 9. 1920 / The following ... the Property of the Hon. Gertrude P(.)TT, and were forming Esq. F.S.A.”., Grande piatto “da pompa”, ad ampio cavetto, larga tesa ad orlo a spigolo rialzato, poggiante su piede a cercine. All’interno del cavetto campeggia il busto di una donna, vòlto a sinistra, con sottili giri di perle al collo, capelli raccolti a treccia annodata attorno alla nuca e una sorta di diadema, ornato di ali e mascherone sulla fronte; veste un abito con camicia e corsetto strettamente aderente al busto, con nastri passanti entro vistose asole ricamate a mo’ di alamari; davanti al profilo si snoda sinuosamente un cartiglio con la legenda “NON. BENE. PRO TOTOLIBERTA. VEDI.AUR”, e due virgulti floreali completano il cavetto. Lungo la tesa, sei settori racchiudono palmette e si alternano ad altrettanti con fasce e foglie. Sul verso, che è invetriato, al centro del piede è tracciata una segnatura composta da due iniziali, forse “C” e “D”, e sulla restante superficie tre grandi pennellate circolari. Dipinto in arancio, blu, giallo e verde. Siamo davanti ad un eccelso saggio della fortunata produzione “da pompa” derutese, diffusa nel corso della prima metà del ‘500, specie intorno agli anni ’30 del secolo. E’ genere “amatorio” che presenta sempre una grande qualità pittorica e attenzione ai dettagli: profilo lineare, perfetto e nitido, che stacca per mezzo di una zona a fondo blu cupo, cui giova la delicatezza di tratto, che leviga e dona grazia ai lineamenti della “bella”, secondo la tradizione pittorica umbra rinascimentale, particolarmente alle figure del Pinturicchio1. Ricercatissimo e sontuoso, come questo caso ben dimostra, è l’ abbigliamento d’epoca, così come l’acconciatura. Non meno degna di nota è, nel nostro caso, la legenda tracciata nel cartiglio, che si riferisce al motto latino “NON BENE PRO TOTO LIBERTAS VE(N)DI(TUR) AV(RO) (ESOPO, Fabulae, 54), ovvero “Non vi è oro che basti a pagare la libertà”; anche questo rimando è peculiare alla cultura delle botteghe derutesi sin dal principio del ‘500, nelle quali era invalso l’uso, probabilmente stimolato da una commitenza colta, di raccogliere nei cartigli tutta l’arguzia delle locuzioni popolari sorte sui proverbi che si erano alimentati da un ambito letterario risalente alle fonti auliche della classicità, ma trasferite dal Medioevo in poi nella cultura popolare. Di certo di questo modello iconografico di “bella” nelle botteghe di Deruta girò uno spolvero, come dimostrano sia versioni policrome pressochè identiche a questa, come quelle nel Museo di Ecouen e nel St. Louis Art Museum2, da segnalare perchè oltretutto presentano lo stesso motto nel cariglio, ma anche quelle della collezione Ducrot di Milano 3, della collezione Serra 4 o del Museo Regionale della ceramica di Deruta 5, cui vanno ad affiancarsi redazioni di analoga iconografia ma dipinte solamente in monocromia blu ed arricchite con la tecnica “a lustro”, modificate solo nella decorazione della tesa e nel motto, come, ad esempio, una nella antica collezione Spitzer 6 ed altre passate sul collezione privata 7, e altre ancora nelle raccolte del Louvre 8, della National Galler y di Washington 9, del Paul Getty Museum10, del Detroit Institute of Art di Chicago, del Los Angeles County Museum ecc.. 1BUSTI-COCCHI 2004, pp. 30-35 e 106-107. N. 79 per il busto e la figura femminile in particolare. 2 GIACOMOTTI 1974, scheda n. 516; BUSTI- COCCHI 2004, scheda 35, p. 126; COLE 1977, n. 46, p.l 92. ANVERSA 2015, scheda n. 24, pp. 118-121. 3BALLARDINI 1934, n. 44. 4CATALOGO SERRA 1964, n. 158. 5BUSTI- COCCHI 1999, scheda 57, p. 170; BUSTI-COC- CHI 2004, scheda 34, pp. 124- 125. 6COLLECTION SPITZER 1890, n.1246. 7CHRISTIE’S, 1965, lotto n. 63; CHRISTIE’S 1982, lotto 337; COLL. SERRA 1964, n. 668. 8GIACOMOTTI 1974, n. 586. 9WILSON 1993, pp. 152- 153. 10HESS 1988, scheda 22, pp. 69- 71. Bibliografia MORLEY- FLETCHER 1982, p. 72, n. 337.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)