WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 83: A plate, Deruta, first half of the 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Past Lot
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
Looking for the realized and estimated price?

Description: Maiolica “a lustro” Diametro cm 39 Rottura trasversale Provenienza: collezione privata, Grande piatto “da pompa”, con ampio cavetto e larga tesa ad orlo rilevato e profilato; il piede è ad anello. Al centro del cavetto, delimitato da una stretta fascia “a treccia”, campeggia un busto di donna, volto di profilo a sinistra, con i capelli raccolti in un balzo di fine tessuto ricamato, ornato di giri di perle al collo e con un pregiato abito a scollo quadrato; davanti al profilo si dispone un cartiglio su cui è tracciata la legenda dedicatoria “LA. FILOMENA BELLA”, e sullo sfondo, ai lati della donna, due virgulti con fiori e foglie. La tesa presenta sei larghe partizioni che racchiudono embricazioni e motivi vegetali. Il verso è invetriato. Dipinto in blu e “lustro”. Quest’opera dà prova della grande qualità raggiunta dalle officine di Deruta nella prima metà del ‘500, sia in analoghe versioni policrome1 sia in opere “a lustro”, di prezioso tono dorato, perfettamente consono alla qualità pittorica di queste “belle”, a volte figure angeliche, che gravitavano su modelli della pittura specie del Perugino e Pinturicchio, mediati da disegni o da incisioni: discendenza figurativa di così aulica matrice che, coniugata alla sofisticata monocromia azzurra, al segno sottile e nitido del disegno, ai chiaroscuri a velature perfettamente calcolate e alla straordinaria qualità del “lustro”, conferisce a queste opere derutesi un assoluto primato nella maiolica italiana della prima metà del ‘500. Canonica in questo caso è anche la scelta del repertorio complementare disposto sulla tesa, che si documenta in molteplici versioni derutesi coeve, del tutto simili nell’iconografia, sia policrome2 sia “a lustro”3. 1Per esempio,nel Victoria andAlbert Museum di Londra (RACKHAM 1940, n. 751). 2CHRISTIE’S, 1996, lotto 252. 3RAVANELLI GUIDOTTI 2006, scheda 9, pp. 74- 75. Bibliografia L’opera è pubblicata in: CHRISTIE’S 1973, lotto n. 60; MORLEY- FLETCHER – McILROY p. 53, fig. 8; GALEAZ- ZI- VALENTINI 1975, p. 71. Esposta alla Mostra Nazionale Antiq. Di Todi 1975 (cat. p. 70).

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)