WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 21: A plate, Faenza, circa 1530

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • A plate, Faenza, circa 1530
  • A plate, Faenza, circa 1530
  • A plate, Faenza, circa 1530
Looking for the realized and estimated price?

Description: Maiolica Diametro cm 24 Fratture e integrazioni restaurate Provenienza: collezione privata , Piatto a basso cavetto, con appoggio del piede appena segnato e a lieve incavo, e ad ampia tesa a bordo profilato (“tagliere”). All’interno del cavetto, entro medaglione delimitato da una stretta fascia decorata con una sequenza di minuti motivi floreali, è raffigurato Amore bendato, armato di arco e faretra, in atto di danzare o di correre, su uno sfondo con paesaggio collinare solo accennato. Attorno, sulla tesa, si dispone una decorazione “a grottesche” su schema simmetrico, che include palmette, cornucopie, un mascherone e quattro teste di amorini alati, a cui corrispondono altrettante tabulae ansate. Sul verso, al centro dell’incavo è tracciato un segno a mo’ di asterisco e attorno, sulla tesa, quattro cerchi contornati da puntini e altrettante spirali. Dipinto in blu, giallo e verde su fondo azzurro “berettino”. In merito alle “grottesche”, calza l’osservazione di Giovan Battista Passeri che nelle sue “Istorie” settecentesche osserva che “Erano per lo più di chiaroscuro bianco su fondo turchino. Io ne ho alcuni e mostrano di essere del 1520, o 1530” 1. A Faenza la “grottesca” attinge ai fogli incisi e a modelli ellenistici, che, sebbene nati per il lavoro degli orafi e argentieri, ebbero gran parte nel rinnovamento dell’esperienza dei decoratori maiolicari, dotandoli di mezzi linguistici e di repertori più raffinati. La “grottesca” sulla maiolica faentina dunque abbina ad un tema centrale una fitta trama, sempre a simmetrica disposizione, di microelementi decorativi quali perle, nastri foglie, mascheroni, cornucopie, ecc.. Dalla fine del ‘400, cioè dalla platea vaselliana già ricordata (v. scheda n. 14), si fa strada dapprima la “grottesca” policroma, specie su fondo arancio, poi, dal secondo decennio del ‘500, si registra la massima espansione delle “grottesche monocrome”, cioè in blu su fondo smaltato azzurro “berettino”, con concentrazione di opere datate tra il 1520/25 e il 1530/35, nelle quali la data è per lo più tramandata entro piccole tabulae ansate, inserite nella “grottesca” 2 . Esse sono presenti anche nel caso in esame che, anche se non portano alcuna indicazione cronologica, grazie alle molte opere e ai molti reperti “a grottesche” datati, alcuni anche frutto di recuperi da siti urbani faentini, non è difficile collocare intorno al 1530. Molto raffinato il medaglione, quasi una lente, che racchiude una aggraziata figurina di Amore, bendato, armato di arco e disarmato delle frecce, delineato con parche lumeggiature in “bianchetto” e risaltato da un contesto di astratta ambientazione. 1PASSERI 1857, pp. 73-74. 2RAVANELLI GUIDOTTI 1998, pp. 284- 305. Bibliografia L’opera è pubblicata in: GALEAZZI- VALENTINI 1975, pp. 124- 125.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)