WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 34: A plate, Faenza, Painter of the numbered V set (or U), last quarter of the 16th cetnury

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Past Lot
Looking for the realized and estimated price?

Description: Maiolica Diametro cm 21,7 buona conservazione Provenienza: collezione privata , Si tratta di un “tagliere”, di diametro contenuto, con basso cavetto, ampia tesa e basso piede ad anello. Sul recto, a piena superficie, è istoriato l’e- pisodio del Nuovo Testamento, riferito a Salomè, nel momento in cui riceve su un vassoio la testa di S. Giovanni Battista, che aveva chiesto a Erode Antipa, poiché il santo aveva biasimato l’unione tra sua madre Erodiade e lo stesso Antipa (MAR- CO 6, 14- 29; MATTEO 14, 6-11). La fanciulla è dipinta in primo piano, in atto di porgere il vassoio al carnefice che tiene ancora la spada in mano con cui ha tagliato la testa del Battista, stretta con l’altra. Il corpo del santo de- capitato giace a terra tra i due. La scena è ambientata nelle carceri poste al piano inferiore della reggia, qui raffigurata in alto, dove si svolge il banchetto con il re di Giudea al centro. Il retro del piatto è smaltato. Dipinto in arancio, blu, bruno e giallo. L’opera è interessante perché pendant di altra, delle stesse ridotte dimensioni di diametro, raf- figurante “Le cinque vergini folli” (MATTEO 25, 1-13) (c, d)1 , che rispetto a quelle standard del piatto (23/25 cm), al momento fa di questa cop- pia una rarità documentaria che allarga la casistica finora nota dei bianchi istoriati. L’iconografia di entrambe risulta coerente con l’indirizzo figurativo seguito dal maestro che, stando a quanto si conosce, nei suoi soggetti si orientra verso le silografie delle edizioni a stampa, veneziane lionesi, sia di soggetti profani sia sacri, perlopiù “di bellissime figure ornate”. Entrambe infatti sono ispirate alle omonime scene contenute nella edizione del Nuovo Testa- mento, stampata a Venezia nel 1574 (b), i cui legni sono riptresi anche in quella del 1587. Naturalmente sono trascrizioni interpretate con alcune varianti: ad esempio, nel caso in esame, il maestro elimina la rampa di scale, che a sinistra nella stampa collega le prigioni alle sale del palaz- zo di Erode, e il carnefice è in abiti tipici dei sol- dati romani, mentre nella fonte grafica è in vesti cinquecentesche. Stilisticamente le due opere gemelle posseggono tutti i caratteri peculiari della maniera del “Pitto- re del servizio V numerato”, cosiddetto perché la sua opera principale dovette essere un mo- numentale servizio (“credenza”) istoriato, con- trassegnato in ogni suo pezzo da una segnatura composta da una “V” (o “U”), seguita da un numero: per ora il più basso è il “3” di una coppa del Museo di Limoges, mentre il più alto è il “172” di un piatto in una raccolta privata tedesca2. Egli è un vero protagonista della scena maiolicara faentina del secondo ‘500, che, come statura pittorica, divide con altre due grandi personalità, il “Maestro dei panneggi” e il “Maestro dello steccato” 3. Il pittore manifesta sempre una grande unitarietà stilistica: figure snelle e cariche di movimento, panneggi terminanti con ariose ondulazioni, profili con barbe inanellate,sobri accenni di architetture, graticcio dei riquadri del pavimento ecc. La sua attività si concentra nel corso dell’ultimo quarto del ‘500 e probabilmente per un certo periodo gravita nell’orbita della maggiore bottega del momento a Faenza, quella dei Bettisi.b 1RAVANELLI GUIDOTTI 2006, pp. 162- 167, schede 46 e s. 2RAVANELLI GUIDOTTI 2004, pp. 147- 156. Si aggiunga un piatto dello stesso servizio, marcato sul verso con il numero “125”, nelle raccolte nazionali polacche, pub- blicato di recente (SWIETLICKLA 2010, scheda 16, pp. 84- 85). 3RAVANELLI GUIDOTTI 1996, pp. 264- 307. Bibliografia L’opera è pubblicata in: RAVANELLI GUIDOTTI 2006, pp. 162- 165, scheda 46.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)