WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 49: A plate, Urbino, Fontana workshop, circa 1560-70

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • A plate, Urbino, Fontana workshop, circa 1560-70
  • A plate, Urbino, Fontana workshop, circa 1560-70
Looking for the realized and estimated price?

Description: Maiolica Diametro cm 37,5 buona conservazione; un’incrinatura Provenienza: collezione privata , Piatto a cavetto di medio diametro, ampia tesa piatta e basso piede ad anello. Sul recto, a piena superficie, è raffigurato il biblico episodio di “Mosè che batte la rupe” (ESODO 17, 7- 11; NUMERI 20, 1-13), con il vecchio patriarca raffigurato al centro, in secondo piano, in atto di battere la roccia con una verga, dalla quale con un fascio di lunghe pennellata azzurre il pittore-maiolicaro ha voluto evocare l’acqua che sgorgando poté dissetare gli armenti e il popolo d’Israele, qui rappresentato da figure maschili e femminili con fanciulli, che si affrettano ad accorrere con vasi e ciotole (a). Sul verso, al centro del piede è tracciata, in blu e in corsivo, la legenda “Moise precasse la/ pietra” (b). L’opera è un canonico saggio di istoriato urbinate del terzo quarto del ‘500, riconducibile per la qualità cromatico-stilistica alla bottega dei Fontana, specie degli anni dopo la metà del secolo, nel momento più fecondo quando cioè la produzione istoriata ormai ha raggiunto un grande virtuosismo, in cui costante è l’equilibrio delle masse figurative, così le masse arboree, il senso cromatico di bella brillantezza, valore assente nel modello incisorio, ecc. : aspetti che concorrono alla vena narrativa di attraente vivacità. Secondo la prassi più in uso nelle botteghe del tempo, il pittore ha trascritto in modo piuttosto fedele una delle vignette silografiche contenute nella Bibbia di Lione del 1566 (ESODO, Caput XV, p. 63), omettendo solo due personaggi sulla destra e due gruppi di figure che si allontanano sullo sfondo (c).

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)