WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 72: An albarello vase, Deruta, first quarter of the 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

October 25, 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • An albarello vase, Deruta, first quarter of the 16th century
  • An albarello vase, Deruta, first quarter of the 16th century
Looking for the realized and estimated price?

Description: Maiolica Altezza cm 26; diametro piede cm 14,5 Cadute di smalto, incrinature e restauri Provenienza: collezione privata , L’opera è dotata di corpo quasi cilindrico, ampia base con accenno di piede con bordo a spigolo e bocca ampia leggermente estroflessa. Sulla zona frontale, all’interno di un ampio medaglione circolare, delimitato da un largo festone di foglie, legato ai lati da nastri, è dipinto il busto di una donna, vòlto a sinistra: ha i capelli raccolti in una cuffia che scende quasi alle spalle, giri di perle o sottili nastri al collo e un abito scollato. La zona retrostante è priva di decorazione. Sotto il medaglione si dispone un nastro orizzontale, su cui è tracciata la scritta farmaceutica “DIA. IRIS”, in caratteri capitali. Dipinto in arancio, blu e verde. Questo albarello è una pregevole testimonianza della fervida attività degli artefici di Deruta, che nel corso della prima metà del ‘500, oltre a grandi piatti “da pompa”, si specializzarono in cospicui e ornatissimi corredi da farmacia, cui vasellami (fasche, albarelli, pillolieri, brocche ecc.), nei quali mostrano sempre una notevole cura nella tecnica, specie un rivestimento maiolicato di buona qualità, di un bianco luminoso su cui possono meglio risaltare i colori della tavolozza sempre squillante, ma sapientemente dosata, anche nei molteplici dettagli decorativi di cui si compone il repertorio del tempo complementare al tema centrale: larghi festoni di foglie lanceolate1, liscie o frastagliate, nastri svolazzanti, pomi, cornucopie, delfini arborescenti, “grottesche” e medaglioni con busti, per lo più di “belle”2. Opere come questa sono sempre caratterizzate da una stilizzazione piuttosto elegante, ma possono anche manifestare una sensibilità verso questo soggetto “amatorio”, dettata una composta semplicità di sentimenti. La scritta farmaceutica “DIA.IRIS” si riferisce al Diaireos, polvere pettorale antiasmatica, basata sull’Iris Florentina (MELICHIO 1660, p. 60). 1Le stesse che, ad esempio, caratterizzano due superbe fiasche da farmacia delle donazioni Cora e Fanfani, del Museo faentino (RAVANELLI GUIDOTTI 1990, scheda 96). Così un albarello nel Museo di Lione (FIOCCO- GHERARDI- SFEIR FAKHRI 2015, scheda 25, pp. 118- 119). 2Una delle prime date certe di “belle” policrome deru- tesi la tramanda un albarello, di raccolta privata, con la data “1499” (WILSON 2004, fig. 2, p. 40).

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)