WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 334: Montagnacco Antonio. Ragionamento intorno a' beni temporali posseduti dalle chiese, dagli ecclesiastici e da quelli tutti che si dicono mani morte. In Venezia: nella stamperia di Carlo Palese, 1766.

Libri Antichi e Rari

by FORUM AUCTIONS IN ITALY

October 27, 2016

Rome, RM, Italy

Live Auction
Sold
  • Montagnacco Antonio. Ragionamento intorno a' beni temporali posseduti dalle chiese, dagli ecclesiastici e da quelli tutti che si dicono mani morte. In Venezia: nella stamperia di Carlo Palese, 1766.
  • Montagnacco Antonio. Ragionamento intorno a' beni temporali posseduti dalle chiese, dagli ecclesiastici e da quelli tutti che si dicono mani morte. In Venezia: nella stamperia di Carlo Palese, 1766.
  • Montagnacco Antonio. Ragionamento intorno a' beni temporali posseduti dalle chiese, dagli ecclesiastici e da quelli tutti che si dicono mani morte. In Venezia: nella stamperia di Carlo Palese, 1766.
Looking for the realized and estimated price?

Description: Montagnacco Antonio. Ragionamento intorno a' beni temporali posseduti dalle chiese, dagli ecclesiastici e da quelli tutti che si dicono mani morte. In Venezia: nella stamperia di Carlo Palese, 1766. In-4° (mm 229x165). Pagine CXXVIII. Vignetta incisa al frontespizio. Eleganti vignette calcografiche a pagina 5 e in fine. Esemplare con barbe in ottimo stato di conservazione, foro di tarlo al margne inferiore delle prime quattro carte, braghetta ai primi fascicoli. Cartonato d'attesa coevo. Timbri numerici alle prime due carte. Prima edizione di questo feroce trattato riformatore, che venne stampato, anonimo, nello stesso anno da tre differenti tipografi veneziani: Pavini, Zorzi e Palese. Nell'opera l'Autore, il canonico friulano Montagnacco, conosciuto ai più poichè ritratto dal Tiepolo nel Consilium in arena, afferma apertamente il diritto del principe di intervenire sulla materia dei beni temporali posseduti dalla Chiesa per introdurvi incisive riforme, e raccoglie una serie di leggi e decreti veneziani intorno alla soppressione delle corporazioni ecclesiastiche e all'amministrazione dei loro beni. Di stupefacente modernità appare la posizione del Montagnacco, sia per il fatto che era un nobile appartenente al clero, sia per la sua profonda conoscenza giuridica, che lo aveva già reso segretario del Patriarca di Venezia. Le sue posizioni convinsero il Senato ad adottare le prime riforme tese a risolvere proprio il problema della manomorta, cioè del riutilizzo dei beni ecclesiastici e dell'avvio di un processo di rinnovamento e di ammodernamento dell'agricoltura. Questo contributo al rinnovamento culturale portò a Montagnacco l'ostilità del mondo ecclesiastico, che sfociò nella messa all'Indice dei Ragionamenti nel 1767, e nella pubblicazione di numerose critiche e confutazioni alla sua opera. Melzi II, 406. 4° (229x165 mm). CXXVIII pages. Engraved vignette on title page. Elegant engraved vignettes on page 5 and at the end. Very fine copy, uncut. Wormhole on the lower margin of the first four leaves, codpiece on the first quires. Contemporary board. Numerical stamps on the first two leaves. First edition of this fierce reformer writing, which was printed, anonymously, in the same year by three different Venetian printers: Pavini, Zorzi and Palese. In this work the Author, the Friulian canon Montagnacco, known as portrayed by Tiepolo in the Consilium in arena, openly says and supports the prince's right to intervene on the matter of temporal goods possessed by the Church to introduce radical reforms, and collects a series of Venetian laws and decrees around the abolition of ecclesiastical corporations and the administration of their property. Amazing modern appears the Montagnacco's position, both for the fact that he was a noble belonging to the clergy, and for his deep legal knowledge, who had already made him secretary of the Patriarch of Venice. His positions convinced the Senate to adopt the first reforms to solve the huge problem of the 'manomorta', that is the re-use of church property, and the start of a process of renewal and modernization of agriculture. This contribution to cultural renewal led Montagnacco to the hostility of the ecclesiastical world: in 1767 the Ragionamenti were included inside Index liber prohibitorum and numerous critics and refutations on this work were printed. Melzi II, 406.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)