Loading Spinner

Ernst Neizvestny Sold at Auction Prices

Sculptor, b. 1925 - d. 2016

Ernst Iosifovich Neizvestny (9 April 1925 – 9 August 2016[1]) was a Russian-American sculptor, painter, graphic artist, and art philosopher. He emigrated to the U.S. in 1976 and lived and worked in New York City. His last name in Russian literally means "unknown".

American playwright Arthur Miller once described Neizvestny as an "artist of the East" who is regarded by Russians as an "expression of the country, of its soul, language, and spirit" and as a "prophet of the future" who represents the "philosophical conscience of his country."[2]

Alexander Calder, the American artist, once said to Neizvestny, "All my life I create the world of children, and you create the world of man." [as reported by New York City Tribune, 29 March 1988.]

Early life: Neizvestny was born 9 April 1925 in Sverdlovsk (now Yekaterinburg).

During his teens, he went to the Sverdlovsk School ? 16. There, he was on friendly terms with another student named Vladimir Vinnichevsky, who later on became a serial killer.

In 1942, at the age of 17, he joined the Red Army as a volunteer. At the close of World War II, he was heavily wounded and sustained a clinical death.[2] Although he was awarded the Order of the Red Star "posthumously" and his mother received an official notification that her son had died, Neizvestny managed to survive.[2]

In 1947, Neizvestny was enrolled at the Art Academy of Latvia in Riga. He continued his education at the Surikov Moscow Art Institute and the Philosophy Department of the Moscow State University. His sculptures, often based on the forms of the human body, are noted for their expressionism and powerful plasticity. Although his preferred material is bronze, his larger, monumental installations are often executed in concrete. Most of his works are arranged in extensive cycles, the best known of which is The Tree of Life, a theme he has developed since 1956.

Art career: Although Nikita Khrushchev famously derided Neizvestny's works as "degenerate" art at the Moscow Manege exhibition of 1962 ("Why do you disfigure the faces of Soviet people?"), the sculptor was later approached by Khrushchev's family to design a tomb for the former Soviet leader at the Novodevichy Cemetery. Other well-known works he created during the Soviet period include Prometheus in Artek (1966). Much of his art from the Soviet era was destroyed before he was forcibly exiled to America.

Neizvestny's talent for large monumental sculptures was again recognized when in the late 1980s six Taiwan cities commissioned the New Statue of Liberty to be built in Kaohsiung harbor. Like the original in New York, it was planned to be 152 feet tall. Several models were built. At least one about five feet tall, and approximately 13 smaller bronzes, each slightly over 18 inches, sold to clients of Magna Gallery in San Francisco. Although the authorized maximum number of signed and numbered castings was 200, far fewer were actually cast and sold, in part because the monument was never built in Taiwan. The reasons are largely political and are described in Albert Leong's bio of Neizvestny, referred to below.

During the 1980s, Neizvestny was a visiting lecturer at the University of Oregon and at UC Berkeley. He also worked with Magna Gallery in San Francisco and had a number of shows which were well-attended in the mid to late 1980s. This gallery also asked him to create his suite of five original graphics, "Man through the Wall," to mark the end of Communism at the end of the 1980s. Magna Gallery was closed at the end of 1992.

During this time, Neizvestny worked diligently to get his dream "Tree of Life" monumental sculpture funded and built. Several small versions or spinoffs based on the theme were built, but the enormous monumental version that Neizvestny dreamed to build, inside which people could walk, has not been built although it has been fully conceptualized, planned out and detailed by the artist as a labor of love.

In 1996, Neizvestny completed his Mask of Sorrow, a 15-metre (49 ft) tall monument to the victims of Soviet purges, situated in Magadan.[3] The same year, he was awarded the State Prize of the Russian Federation. Although he lived in New York City and worked at Columbia University, Neizvestny frequently visited Moscow and celebrated his 80th birthday there. A museum dedicated to his sculptures was established in Uttersberg, Sweden. Some of his crucifixion statues were acquired by John Paul II for the Vatican Museums. In 2004, Neizvestny became an honorary member of the Russian Academy of Arts.[4][5]

A biography of Neizvestny was written by University of Oregon professor Albert Leong in 2002 entitled: Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny. Another book about Neizvestny is Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist, written by British art critic John Berger in 1969.

Read Full Artist Biography

0 Lots

Sort By:

Categories

              Auction Date

              Seller

              Seller Location

              Price Range

              to
              • ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Untitled
                Dec. 11, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Untitled

                Est: €400 - €600

                signed in Cyrillic 'E. Neizvestny' (lower left); stamp of Vladimir Antonovich Svirshchevsky, Tambov; stamp of 'Sammlung Schargorodski Hirsch Dora Berlin- Wilmersdorf' (on the reverse) ink and pencil on paper 16 x 20.5 cm Provenance: Collection of Vladimir Antonovich Svirshchevsky (1932- 2012) - collector, local historian, author of literary and historical articles; Private collectionsigné en cyrillique 'E. Neizvestny' (en bas à gauche) ; cachet de Vladimir Antonovich Svirshchevsky, Tambov ; tampon 'Sammlung Schargorodski Hirsch Dora Berlin-Wilmersdorf' (au verso) encre et crayon sur papier 16 x 20,5 cm Provenance : Collection de Vladimir Antonovich Svirshchevsky (1932-2012) - collectionneur, historien local, auteur d'articles littéraires et historiques ; Privé

                Hermitage Fine Art
              • Nilpferd Bronze/ bronze hippo
                Dec. 06, 2023

                Nilpferd Bronze/ bronze hippo

                Est: -

                Monogrammist ''E.N.'' (Neizvestny, Ernst, 1925 Sverdlovsk-2016 New York ?). Flusspferd liegend. Bronze, patiniert, auf rosa Granit-Sockelplatte. Rücks. Monogramm und Nummerierung Expl. 5/ 20. L. Sockel 15 cm. Bronze hippo, on granite base. Monogram ''E.N.'' (Ernst Neizvestny ?) and copy no. 5 of 20. L. 15 cm.

                Kunstauktionshaus Günther
              • Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Nov. 26, 2023

                Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Weiblicher Akt Bronze auf Marmorsockel, H. 16,5 cm, monogrammiert E.N., Exe. 4/ 20

                Auktionshaus Schwerin
              • RUSSIAN MIXED MEDIA PAINTING BY ERNST NEIZVESTNY
                Nov. 11, 2023

                RUSSIAN MIXED MEDIA PAINTING BY ERNST NEIZVESTNY

                Est: $100 - $150

                An original crayon and ink on paper drawing depicting an abstract composition by Ernst Neizvestny, Russian, American, 1925 to 2016. Signed upper left: E.Neizvestny and dated 62. Provenance: the artwork was originally purchased at Christie's auction on 23 May 2012 (label on verso). Ernst Neizvestny is a Soviet and American sculptor, known for Public monument sculpture-abstract figures. Member of the Latvian Academy of Sciences. His style mixed Symbolism and Expressionism. Ernst Neizvestny created sculptural compositions that adorned many cities in the world. His sculptures and paintings expressing his powerful plasticity were often composed of parts of the human body. He was included in the ranking of the 40 most expensive contemporary Russian artists. One of a kind of artwork. Russian Modernist Fine Art And Wall Decor Collectibles.

                Antique Arena Inc
              • Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Fisch, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 4 von 20, Maße: 10 x 10 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.
                Oct. 28, 2023

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Fisch, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 4 von 20, Maße: 10 x 10 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Est: -

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Fisch, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 4 von 20, Maße: 10 x 10 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Auktionshaus Demessieur
              • Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Vogel, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 8 von 20, Maße: 9,5 x 10 x 6 cm. Guter, altersbedingter Zustand.
                Oct. 28, 2023

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Vogel, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 8 von 20, Maße: 9,5 x 10 x 6 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Est: -

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Vogel, Bronze, unten monogrammiert E.N., Auflage 8 von 20, Maße: 9,5 x 10 x 6 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Auktionshaus Demessieur
              • Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Maske, Bronze, unten monogrammiert: E.N., Auflage 6 von 10, Maße: 16 x 13 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.
                Oct. 28, 2023

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Maske, Bronze, unten monogrammiert: E.N., Auflage 6 von 10, Maße: 16 x 13 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Est: -

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Maske, Bronze, unten monogrammiert: E.N., Auflage 6 von 10, Maße: 16 x 13 x 6,5 cm. Guter, altersbedingter Zustand.

                Auktionshaus Demessieur
              • Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Stehende Frau mit gehobenen Händen, zweite Hälfte 1980er, Bronze, unten signiert, Auflage 5 von 10, Maße: 42 x 21 x 19 cm. Guter, altersbedingter Zustand, Zertifikat.
                Oct. 28, 2023

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Stehende Frau mit gehobenen Händen, zweite Hälfte 1980er, Bronze, unten signiert, Auflage 5 von 10, Maße: 42 x 21 x 19 cm. Guter, altersbedingter Zustand, Zertifikat.

                Est: -

                Ernst Neizvestny (amerikanisch/russisch, 1926 - 2016), Stehende Frau mit gehobenen Händen, zweite Hälfte 1980er, Bronze, unten signiert, Auflage 5 von 10, Maße: 42 x 21 x 19 cm. Guter, altersbedingter Zustand, Zertifikat.

                Auktionshaus Demessieur
              • Ernst Neizvestny 1925-2016 Modern AP Litho SIGNED
                Oct. 25, 2023

                Ernst Neizvestny 1925-2016 Modern AP Litho SIGNED

                Est: $100 - $1,000

                Ernst Neizvestny (Russian, 1925-2016). A special edition artist proof E.A. (epreuve d'artiste) lithograph art print on Arches style paper. A figural work produced in the artist's modern Expressionist style depicting a profusion of abstract figures and other forms. French language pencil artist proof notation E.A. (epreuve d'artiste) to lower left. Artist pencil signature E. NEIZVESTNY to lower right. Presented under glass in a modern gold tone metal frame. Work Size: 16 x 23.75 in. Dimensions: 23 X 31.5 X 1.5 in. Condition: Good to fair condition having mild surface wear with prior evidence of water staining and toning to paper. Frame having mild to moderate wear to edges and corners. Estate fresh to the market. Shipping: Hill Auction Gallery does not offer in-house shipping for this item. Gallery will refer third party shippers for all domestic and international buyers. Purchaser pick up available upon request.

                Hill Auction Gallery
              • Ernst Neizvestny 1925-2016 Modern AP Litho SIGNED
                Oct. 25, 2023

                Ernst Neizvestny 1925-2016 Modern AP Litho SIGNED

                Est: $100 - $1,000

                Ernst Neizvestny (Russian, 1925-2016). A special edition artist proof E.A. (epreuve d'artiste) lithograph art print on Arches style paper. Titled, "Trapped." A figural work produced in the artist's modern Expressionist style depicting a profusion of abstract figures and other forms. French language pencil artist proof notation E.A. (epreuve d'artiste) to lower left. Artist pencil signature E. NEIZVESTNY to lower right. Presented under glass in a modern gold tone metal frame. Work Size: 14.5 x 22.75 in. Dimensions: 22 X 30.75 X 1.25 in. Condition: Good to fair condition having mild surface wear with foxing and toning to paper. Frame having mild to moderate wear to edges and corners. Estate fresh to the market. Shipping: Hill Auction Gallery does not offer in-house shipping for this item. Gallery will refer third party shippers for all domestic and international buyers. Purchaser pick up available upon request.

                Hill Auction Gallery
              • Ernst Neizvestny 1925-2016 Expressionist Painting
                Oct. 25, 2023

                Ernst Neizvestny 1925-2016 Expressionist Painting

                Est: $100 - $1,000

                Ernst Neizvestny (Russian, 1925-2016). An original mixed media painting on paper with deckled edge. Ink, watercolor, and other elements. Titled, "Man, Woman, and Child," produced 1981. A figural work produced in the artist's modern Expressionist style depicting a trio of abstract figures and other forms. Artist signature and dated E. NEIZVESTNY 1981 to lower right. Title with artist name hand written to paper backing, possibly by artist. Presented laid atop fabric under glass in a modern chrome metal frame. Work Size: 26 x 19 in. Dimensions: 34.5 X 27.75 X .5 in. Condition: Good overall condition having normal surface wear. Frame having mild to moderate wear to edges and corners. Estate fresh to the market. Shipping: Hill Auction Gallery does not offer in-house shipping for this item. Gallery will refer third party shippers for all domestic and international buyers. Purchaser pick up available upon request.

                Hill Auction Gallery
              • AN ERNST NEIZVESTNY ORIGINAL ETCHING BOOK PAGE MOCK UP
                Oct. 01, 2023

                AN ERNST NEIZVESTNY ORIGINAL ETCHING BOOK PAGE MOCK UP

                Est: $200 - $300

                Ernst Neizvestny, an original ink on paper etching. The etching is a part of page mock-up for a book. Has a typed text "The strings tightened by God divide soul's departure into pain of humility and a challenge to Heaven". Matted. Ernst Iosifovich Neizvestny (1926-2016) was a Soviet and American sculptor, known for Public monument sculpture-abstract figures. Member of the Latvian Academy of Sciences. His style mixed Symbolism and Expressionism. Ernst Neizvestny created sculptural compositions that adorned many cities in the world. His sculptures and paintings expressing his powerful plasticity were often composed of parts of the human body. He was included in the ranking of the 40 most expensive contemporary Russian artists.

                Helios Auctions
              • A RUSSIAN ETCHING BY ERNST NEIZVESTNY
                Oct. 01, 2023

                A RUSSIAN ETCHING BY ERNST NEIZVESTNY

                Est: $200 - $300

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1926 - 2016), etching on paper depicting an abstract composition. Signed in pencil lower left. Numbered 9/21 lower right. Inscribed on verso: "From the collection of V. Bakhchanyan. March 19, 2008." Ernst Neizvestny is a Soviet and American sculptor, known for Public monument sculpture-abstract figures. Member of the Latvian Academy of Sciences. His style mixed Symbolism and Expressionism. Ernst Neizvestny created sculptural compositions that adorned many cities in the world. His sculptures and paintings expressing his powerful plasticity were often composed of parts of the human body. He was included in the ranking of the 40 most expensive contemporary Russian artists.

                Helios Auctions
              • ERNST NEIZVESTNY (1925-2016/ Russie-USA) Composition. Athlètes. Lithog
                Sep. 24, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (1925-2016/ Russie-USA) Composition. Athlètes. Lithog

                Est: €200 - €300

                ERNST NEIZVESTNY (1925-2016/ Russie-USA) Composition. Athlètes. Lithographie SIgné en bas à droite 75x56,5 cm Эрнст Иосипович НЕИЗВЕСТНЫЙ (1925-2016/ Россия-США) Композиция. Спортсмены. Литография Подпись внизу справа 75х56,5см

                Osenat
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Bozzetto di una scutura monumentale
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Bozzetto di una scutura monumentale

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Bozzetto di una scutura monumentale Fotografia 14 x 29,4 cm Data: Firma: Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% Stato di conservazione supporto: 90% (pieghe, di cui una verticale per l'intera altezza) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura antropomorfa
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura antropomorfa

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura antropomorfa Pennarello nero su carta 31,4 x 44,8 cm Data: Firma: "E. Neizvestny", a pennarello Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (leggeri residui rugginosi) Stato di conservazione supporto: 90% (leggere pieghe) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Rodiòn Romànovič Raskòl'nikov, per "Delitto e Castigo" di Dostoevsky, 1967
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Rodiòn Romànovič Raskòl'nikov, per "Delitto e Castigo" di Dostoevsky, 1967

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Rodiòn Romànovič Raskòl'nikov, per "Delitto e Castigo" di Dostoevsky, 1967 Calcografia su carta 20,8 x 29,4 cm (lastra) 34,2 x 46,3 cm Data: "67", a matita, al recto Firma: "E N", in lastra; "E. Neizvestny", a matita, al recto in calce alla incisione e in calce alla dedica Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 80% (diffusi residui rugginosi) Stato di conservazione supporto: 85% (pieghe e graffi) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura, 1964
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura, 1964

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura, 1964 Pennarello nero su carta applicata a foglio di supporto 44,2 x 31,5 cm Data: "64", a pennarello, al recto Firma: "E. Neizvestny", a pennarello Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (macchie, depositi) Stato di conservazione supporto: 90% (leggere pieghe spianate, piccoli danni ai margini) Bibliografia: Duccio Trombadori, testo di, Erica Ravenna Fiorentini, a cura di, "URSS ARTE CONTEMPORANEA. Ilya Kabakov e gli artisti andergraund negli anni '60 e '70", Roma, 2009, p. 33 (ill.) Esposizioni: URSS ARTE CONTEMPORANEA. Ilya Kabakov e gli artisti andergraund negli anni '60 e '70, Erica Fiorentini Arte Contemporanea, Roma, Maggio 2009 Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura Pennarello nero su carta applicata a foglio di supporto 20,3 x 28,8 cm Data: Firma: Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 95% (ingiallimento) Stato di conservazione supporto: 90% (fissaggio imperfetto, piccoli strappi, ondulature) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura Pennarello nero su carta 27 x 42,3 cm Data: Firma: "E. Neizv", a pennarello Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (leggeri residui rugginosi) Stato di conservazione supporto: 90% (leggere pieghe, minori mancanze ai margini) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura Inchiostro nero ad acquarello nero su carta 43,5 x 31,2 cm Data: Firma: Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (macchie e depositi rugginosi) Stato di conservazione supporto: 90% (una piega evidente, fori da affissione) Bibliografia: Duccio Trombadori, testo di, Erica Ravenna Fiorentini, a cura di, "URSS ARTE CONTEMPORANEA. Ilya Kabakov e gli artisti andergraund negli anni '60 e '70", Roma, 2009, p. 34 (ill.) Esposizioni: URSS ARTE CONTEMPORANEA. Ilya Kabakov e gli artisti andergraund negli anni '60 e '70, Erica Fiorentini Arte Contemporanea, Roma, Maggio 2009 Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio di figura

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio di figura Pennarello su carta 44,1 x 31 cm Data: "75", a matita, al recto Firma: "E. Neizvestny", a pennarello Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (leggere macchie) Stato di conservazione supporto: 95% Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Senza titolo Inchiostro a penna su carta 40,6 x 57,6 cm Data: Firma: "E. Neizvestny", a pennarello, al recto Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 85% (ingiallimento, decolorazione, alcune macchie) Stato di conservazione supporto: 85% (strappi, pieghe, disidratazione del supporto) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Senza titolo Acquerello su carta 41,5 x 58,5 cm Data: Firma: Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 85% (ingiallimento, alcune macchie) Stato di conservazione supporto: 90% (piccoli strappi, pieghe) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo, 1962
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo, 1962

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Senza titolo, 1962 Inchiostro nero ad acquarello secco e pennarello nero su carta applicata a cartoncino di supporto 40,6 x 57,7 cm Data: "62", a pennarello, al recto Firma: "E. Neizvestny", a pennarello, al recto Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% Stato di conservazione supporto: 90% (strappi, pieghe, fori, fissaggio imperfetto) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). ST, 1967
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). ST, 1967

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) ST, 1967 Calcografia su carta 34,2 x 47,2 cm Data: "67", in lastra, "6/3.68", a matita Firma: "E N", in lastra; "E. Neizvestny", a matita, al recto in calce alla incisione e in calce alla dedica Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 70% (diffusi residui rugginosi) Stato di conservazione supporto: 90% Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio e scomposizione di figure, 1961
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studio e scomposizione di figure, 1961

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studio e scomposizione di figure, 1961 Penna su carta 34,5 x 53,8 cm Data: "61", a penna, al recto Firma: "E. Neizvestny", a penna, al recto Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 90% (macchie) Stato di conservazione supporto: 85% (pieghe, mancanze minori ai margini) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studi di figura (recto/verso)
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Studi di figura (recto/verso)

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Studi di figura (recto/verso) Pennarello nero su carta 26,9 x 42,2 cm Data: Firma: "E. Neizvestny", a pennarello, su entrambi i versi Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 95% Stato di conservazione supporto: 90% (leggere pieghe, minori mancanze ai margini) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny, "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico; sua madre, una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "è un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo, 1965
                Sep. 13, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016). Senza titolo, 1965

                Est: -

                Ernst Iosifovich Neizvestny (1925 - 2016) Senza titolo, 1965 Pennarello su carta 57,6 x 40,6 cm Data: "65", a pennarello, al recto Firma: "E. Neizvestny", pennarello, al recto Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 85% (ingiallimento, decolorazione) Stato di conservazione supporto: 85% (strappi, pieghe, disidratazione del supporto) Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letterlamente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, del suo spirito, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny: "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Neizvestny nacque a Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) da una famiglia ebrea. Suo padre era un medico e sua madre una scienziata. Il loro cognome, dato originariamente al bisnonno di Neizvestny, derivava da una pratica dell'inizio del diciannovesimo secolo di prendere giovanissimi ragazzi ebrei dalle loro famiglie, battezzandoli nella Chiesa ortodossa. Nel 1942, all'età di 17 anni, si arruolò volontario nell'Armata Rossa. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu gravemente ferito e fu dichiarato clinicamente morto. Sebbene sia stato insignito dell'Ordine della Stella Rossa (per così dire "postumo") e sua madre abbia ricevuto notifica ufficiale della morte del figlio, Neizvestny è riuscito a sopravvivere. Nel 1947, Neizvestny fu iscritto all'Accademia d'arte della Lettonia a Riga. Ha continuato la sua formazione presso il Surikov Moscow Art Institute e il Dipartimento di filosofia dell'Università statale di Mosca. Le sue sculture, spesso basate sulle forme del corpo umano, sono note per il loro espressionismo e la potente plasticità. Sebbene il suo materiale preferito fosse il bronzo, le sue installazioni più grandi e monumentali erano spesso eseguite in cemento. La maggior parte delle sue opere sono organizzate in ampi cicli, il più noto dei quali è "L'albero della vita", un tema che aveva sviluppato dal 1956. Nel novembre 1962 Neizvestny fu invitato a contribuire a una mostra organizzata dall'Unione degli artisti di Mosca. C'era tensione tra questo organismo e l'Accademia di Belle Arti, e la mostra intendeva dimostrare che l'Accademia aveva una definizione troppo ristretta di arte. Partecipò una grande folla, ma agli organizzatori fu ordinato di chiudere dopo pochi giorni e di trasferire le opere in un edificio vicino al Cremlino, che venne visitato da Nikita Krusciov, accompagnato da un numeroso entourage e da una troupe cinematografica. Krusciov gridò che le opere erano "Merda di cane!", e si è indirizzato a Neizvestny come responsabile. Neizvestny gli ha risposto: "Puoi essere Premier e Presidente, ma non qui davanti ai miei lavori. Qui sono io il Premier e discuteremo da pari a pari". Mentre continuavano, qualcuno nell'entourage di Krusciov definì Neizvestny "omosessuale", ma "dopo essersi scusato con il ministro della Cultura Yekaterina Furtseva", Neizvestny rispose: "Dammi una ragazza qui e ora e ti mostrerò che tipo di omosessuale sono." Alla fine della sessione, Krusciov gli disse: "Sei il tipo di uomo che mi piace. C'è un angelo e un diavolo in te. Se l'angelo vince, possiamo andare d'accordo. Se è il diavolo che vince, noi ti distruggeremo." Il 15 dicembre, Neizvestny era tra i 400 ospiti invitati ad ascoltare Krusciov parlare alla Casa dei ricevimenti di Mosca. Si dice che Krusciov intendesse essere conciliante, ma uscì dal copione e indicò una delle statue di Neizvestny e chiese: "È un cavallo o una mucca? Qualunque cosa sia, dà una brutta impressione di un animale nobile in ogni aspetto". Indicando un altro disse: "Se quella è una donna, allora sei frocio. E per loro la pena è di dieci anni di prigione". Nonostante ciò, nel 1975, quattro anni dopo la morte di Krusciov, la famiglia dell'ex premier commissionò a Neizvestny il progetto del monumento per la tomba al cimitero di Novodevichy. Gran parte della sua arte dell'era sovietica è stata distrutta prima del suo esilio in America. Il talento di Neizvestny per le grandi sculture monumentali raggiunse grande notorità in Occidente alla fine degli anni Ottanta, quando sei città di Taiwan gli commissionarono la costruzione della Nuova Statua della Libertà nel porto di Kaohsiung, che non fu mai costruita per ragioni politiche. Durante gli anni '80, Neizvestny è stato visiting professor in Oregon, a Yale, a Harvard e Berkeley. Durante questo periodo, Neizvestny ha lavorato assiduamente per ottenere la costruzione della scultura monumentale "Albero della vita". Sono state realizzate diverse piccole versioni sul tema, ma l'enorme versione monumentale che Neizvestny sognava di costruire, all'interno della quale le persone potevano camminare, non è stata realizzata sebbene sia stata completamente concettualizzata, pianificata e dettagliata dall'artista. Nel 1996, Neizvestny ha completato la sua "Maschera della tristezza", un monumento alto 15 metri (49 piedi) alle vittime delle purghe sovietiche, situato a Magadan. Lo stesso anno gli è stato conferito il Premio di Stato della Federazione Russa e l'ordine di merito di terza classe. Sebbene vivesse a New York City e lavorasse alla Columbia University, Neizvestny visitava spesso Mosca e vi ha festeggiato il suo ottantesimo compleanno. Un museo dedicato alle sue sculture è stato fondato a Uttersberg, in Svezia. Alcune sue opere furono destinate da Giovanni Paolo II ai Musei Vaticani. Nel 2000 è stato insignito dell'Ordine dell'onore dal Presidente della federazione russa Valdimir Putin. Nel 2004, Neizvestny è diventato membro onorario dell'Accademia Russa delle Arti. Gli sono state dedicate due biografie - John Berger, "Art and Revolution: Ernst Neizvestny, Endurance, and the Role of the Artist", 1969, e Albert Leong, a cura di, "Centaur: The Life and Art of Ernst Neizvestny", US, 2002 - e un museo, a Uttesberg, in Svezia.

                Bonino
              • Anatolij Rafaylovitch Brusylowskij (1932 - ). Ritratto di Ernst Neizvestny, 1962
                Sep. 13, 2023

                Anatolij Rafaylovitch Brusylowskij (1932 - ). Ritratto di Ernst Neizvestny, 1962

                Est: -

                Anatolij Rafaylovitch Brusylowskij (1932 - ) Ritratto di Ernst Neizvestny, 1962 Xilografia su carta 22,7 x 25,7 cm Data: "62", a matita, al recto Firma: "A. Brusylowskij", a matita, al recto Altre iscrizioni: Dedica a "a A. Trombadori", in italiano, a matita, al recto Stato di conservazione superficie: 95% Stato di conservazione supporto: 90% (ondulature, piccoli danni ai margini) L'opera ritrare un grande amico di Brusylowskij, l'artista e filosofo Ernst Iosifovich Neizvestny (1925–2016). Emigrato negli Stati Uniti nel 1976, a New York, il suo cognome in russo significa letteralmente "Sconosciuto". Il commediografo americano Arthur Miller descrisse Neizvestny come un "un'artista dell'Est" considerato rispettato dai russi "espressione del paese, della sua lingua, del suo spirito" e come un "profeta del futuro" che rappresenta "la coscienza filosofica del suo paese". Alexander Calder, l'artista americano, disse a Neizvestny: "In tutta la mia vita ho creato il mondo dei bambini, mentre tu hai creato il mondo dell'uomo adulto" (New York City Tribune, 29 marzo 1988). Brusylowskyj è un pittore e fotografo ucraino-russo, particolarmente noto per l'apporto dato alla nuova figurazione russa nell'ambito del movimento non conformista. È membro dell'Unione Russa degli Artisti e dell'Unione Russa dei Giornalisti e Fotografi, ed ha insegnato alla San Diego State University. Terminati gli studi a Kharkov nel 1957, nel 1961 illustra il libro "Il ponte" di Manfred Gregor e nel 1964 "Il giovane Holden" di J. D. Salinger. In una serie fotografica molto celebre, "Studio", l'artista documenta i suoi colleghi artisti dell'underground russo: ogni singolo ritratto è stato preparato attraverso disegni compositivi, selezione di scenografie, accessori e illuminazione. Il servizio fotografico, per il quale si prendeva sempre un giorno, è stato avviato da lunghe conversazioni in cui sono stati scoperti e determinati l'umore caratteristico e le espressioni facciali, l'espressione degli occhi, la postura e i gesti della persona. In questo modo Brusylovskyj impone nella fotografia il modello di composizione multimediale che si afferma negli altri campi grazie al gruppo Sretenskij Bulvar diretto da Jurij Nolev-Sobolev. Nella pittura e nel disegno egualmente egli pone al centro l'interpretazione psicologica della figura. Ha esposto in Germania, Polonia, Italia, Francia, Svizzera, Russia, Israele e Stati Uniti. È rappresentato dalle gallerie Sandmann a Berlino e Gmurzynska a Zurigo.

                Bonino
              • MODERN COLOR LITHOGRAPH POSTER BY ERNST NEIZVESTNY
                Aug. 19, 2023

                MODERN COLOR LITHOGRAPH POSTER BY ERNST NEIZVESTNY

                Est: $100 - $150

                Ernst Iosifovich Neizvestny, Russian, Soviet era, American, 1926 to 2016, color lithographic poster on paper, Twelve Tribes of Israel. Circa: 1978. Signed in the print, lower right. Titled in the print, lower to the center. Ernst Neizvestny is a Russian Soviet era and American sculptor, known for Public monument sculpture abstract figures. Member of the Latvian Academy of Sciences. His style mixed Symbolism and Expressionism. Ernst Neizvestny created sculptural compositions that adorned many cities in the world. His sculptures and paintings expressing his powerful plasticity were often composed of parts of the human body. He was included in the ranking of the 40 most expensive contemporary Russian artists. Russian Modernist Graphic Art Prints and Collectibles.

                Antique Arena Inc
              • RUSSIAN MIXED MEDIA PAINTING BY ERNST NEIZVESTNY
                Aug. 12, 2023

                RUSSIAN MIXED MEDIA PAINTING BY ERNST NEIZVESTNY

                Est: $100 - $150

                An original crayon and ink on paper drawing depicting an abstract composition by Ernst Neizvestny, Russian, American, 1925 to 2016. Signed upper left: E.Neizvestny and dated 62. Provenance: the artwork was originally purchased at Christie's auction on 23 May 2012 (label on verso). Ernst Neizvestny is a Soviet and American sculptor, known for Public monument sculpture-abstract figures. Member of the Latvian Academy of Sciences. His style mixed Symbolism and Expressionism. Ernst Neizvestny created sculptural compositions that adorned many cities in the world. His sculptures and paintings expressing his powerful plasticity were often composed of parts of the human body. He was included in the ranking of the 40 most expensive contemporary Russian artists. One of a kind of artwork. Russian Modernist Fine Art And Wall Decor Collectibles.

                Antique Arena Inc
              • ERNST NEIZVESTNY, UNTITLED, OIL ON CANVAS
                Aug. 11, 2023

                ERNST NEIZVESTNY, UNTITLED, OIL ON CANVAS

                Est: $24,000 - $30,000

                Artist: Ernst Neizvestny, Russian (1926 - 2016) Title: Untitled Year: 1984 Medium: Oil on Canvas, signed recto, signed, dated and titled verso Edition: Size: 20 x 25 in. (50.8 x 63.5 cm) Frame Size: 27 x 32 inches Description: This oil painting by Ernst Neizvestny from 1984 is an abstract modernist depiction of two figures in a dramatically expressive scene of pathos.

                RoGallery
              • Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Aug. 06, 2023

                Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Maske eines Großen Mannes Bronze auf Granitplinthe, verso signiert E. Neiz., Exe. 8/8, H. 34 cm, Certifikat Verband d. russischen Kunsthistoriker u. zugehörige beglaubigte Übersetzung, sowie Provinienc d. Herkunft

                Auktionshaus Schwerin
              • Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Aug. 06, 2023

                Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Buch „Schicksal“ 1992, 200 S., mit zahlreichen Zeichnungen, Ausstellungsplakat und Original Foto mit Stempelsignatur W.Woronina, „Treffen mit Gorbatschow“

                Auktionshaus Schwerin
              • NEIZVESTNY ERNST (1925-2016), AUTOGRAPH Govorit Neizvestnyi [Neizvestny Spe
                Jun. 30, 2023

                NEIZVESTNY ERNST (1925-2016), AUTOGRAPH Govorit Neizvestnyi [Neizvestny Spe

                Est: €100 - €120

                NEIZVESTNY ERNST (1925-2016), AUTOGRAPH Govorit Neizvestnyi [Neizvestny Speaks]. [Frankfurt-on-the-Main]: Posev, 1984. - 175 p.: ill.; 20x13.5 cm. In the author's typographic publisher's cover. Author's autograph on a separate sheet of red paper: "Sergei, Privet - Spasibo! Poklon tvoyey zhene. S druzhboy E. Neizvestnyi."[ "Sergei, Greetings - Thank you! Greetings to your wife. With friendship, E. Neizvestnyi."] On the reverse side, there is a drawing by the author and a signature. Presumably, the autograph is addressed to Sergei Nersesovich Krikoryan (1925-2015). A black and white photograph of E. Neizvestnyi is enclosed. This is an anthology of articles and essays by the renowned Soviet and American sculptor Ernst Neizvestnyi (1925-2016), who gained fame for creating expressive expressionist sculptures with powerful plasticity and deep philosophical meaning. Sergei Nersesovich Krikoryan (1925-2015) was an engineer-economist and the son of a White Army officer who emigrated from Russia at the end of the Civil War. Since the early 1960s, he lived in Switzerland and was a member of the Russian Circle at the University of Geneva. He actively followed the literary process and never missed an opportunity to meet writers who had left their homeland or visited from the Soviet Union. A bibliophile, he assembled an extensive library. This is a collection of articles and essays by the renowned Soviet and American sculptor Ernst Neizvestnyi (1925-2016), who gained fame for creating expressive expressionist sculptures with powerful plasticity and deep philosophical meaning. В издательской шрифтовой обложке работы автора. Автограф автора на отдельном листе красной бумаги: “Сергей, Привет - Спасибо! Поклон твоей жене. С дружбой Э. Неизвестный”. На обороте рисунок автора и подпись. Предположительно, автограф адресован Сергею Нерсесовичу Крикорьяну (1925-2015). Приложена черно-белая фотография Э. Неизвестного. Сборник статей и эссе известного советского и американского скульптора Эрнста Неизвестного (1925-2016), прославившийся созданием выразительных экспрессионистских скульптур с мощной пластикой и глубоким философским смыслом. Сергей Нерсесович Крикорьян (1925-2015) – инженер-экономист, сын белого офицера, эмигрировавшего из России в конце Гражданской войны. С начала 1960-х годов проживал в Швейцарии, состоял членом Русского кружка при Женевском университете. Активно следил за литературным процессом, не упускал случая познакомиться с писателями, покинувшими Родину или приезжавшими из Советского Союза. Библиофил, собрал обширную библиотеку. Сборник статей и эссе известного советского и американского скульптора Эрнста Неизвестного (1925-2016), прославившийся созданием выразительных экспрессионистских скульптур с мощной пластикой и глубоким философским смыслом.

                Hermitage Fine Art
              • ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Untitled
                Jun. 28, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Untitled

                Est: €400 - €600

                signed in Cyrillic ‘E. Neizvestny’ (lower left); stamp of Vladimir Antonovich Svirshchevsky, Tambov; stamp of ‘Sammlung Schargorodski Hirsch Dora Berlin-Wilmersdorf’ (on the reverse) ink and pencil on paper 16 x 20.5 cm Provenance: Collection of Vladimir Antonovich Svirshchevsky (1932-2012) - collector, local historian, author of literary and historical articles; Private collection signé en cyrillique 'E. Neizvestny' (en bas à gauche) ; cachet de Vladimir Antonovich Svirshchevsky, Tambov ; cachet de 'Sammlung Schargorodski Hirsch Dora Berlin-Wilmersdorf' (au verso) encre et crayon sur papier 16 x 20,5 cm Provenance : Collection de Vladimir Antonovich Svirshchevsky (1932-2012) - collectionneur, historien local historien local, auteur d'articles littéraires et littéraires et historiques ; Collection privée

                Hermitage Fine Art
              • ERNST NEIZVESTNY (1925 - 2016) Male torso
                Jun. 28, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (1925 - 2016) Male torso

                Est: €3,000 - €5,000

                signed and numbered ‘E. NEIZ 4/10’ (at the base) bronze height 40 cm base 13 x 17 cm, marble base 13 x 17 cm circa 1980s Provenance: Private collection, Europe Certificat of autenticity of ‘AIS’ Association of Art Historians of Moscow from 13.09.1994 signé et numéroté 'E. NEIZ 4/10' (à la base) bronze hauteur 40 cm socle 13 x 17 cm, socle en marbre 13 x 17 cm vers les années 1980 Provenance : Collection privée, Europe Certificat d'authenticité de l'Association des historiens de l'art de Moscou (AIS) du 13.09.1994

                Hermitage Fine Art
              • ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Suicide
                Jun. 28, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (1925-2016) Suicide

                Est: €2,500 - €3,500

                Signed in Cyrillic with initials ‘EN’(on the base); label and stamp ‘Collezioni Morgante’ and ‘Alberto Morgante’ (on the underside) bronze 20 x 13 x 12 cm executed in 1969 Provenance: Collection of Alberto Morgante, Italy Literature: ‘L’Avanguardia Tradita: L’Arte Russa dal XIX al XX sec.’, by Franco Miele, Rome, 1973 ; ‘Russie! Memoria, Mistificazione, Immaginario/Arte russa del ‘900 dalle collezioni Morgante e Sandretti’, by Guiseppe Barbieri and Silvia Burini, Ed. Terra ferma, 2010, p.255, no. 98. Exhibited: La Biennale di Venezia, ‘La Nuova Arte Sovietica’, 1977 signé en cyrillique avec les initiales 'EN' (sur la base) ; étiquette et cachet 'Collezioni Morgante' et 'Alberto Morgante' (en-dessous de la base) bronze 20 x 13 x 12 cm exécuté en 1969 Provenance : Collection d'Alberto Morgante, Italie Littérature : 'L'Avanguardia Tradita : L'Arte Russa dal XIX al XX sec.', par Franco Miele, Rome, 1973 ; 'Russie ! Memory, Mystification, Imaginary/Russian Art of the 20th Century from the Morgante and Sandretti Collections', par Guiseppe Barbieri et Silvia Burini, Ed. Terra ferma, 2010, p.255, no. 98. Exposée : La Biennale de Venise, 'La Nuova Arte Sovietica', 1977

                Hermitage Fine Art
              • Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016), Untitled Bronze Sculpture
                Jun. 24, 2023

                Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016), Untitled Bronze Sculpture

                Est: $250 - $400

                Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016) Untitled Sculpture patinated bronze unmarked 11 3/4 x 7 1/4 x 3 1/4 inches

                Fontaine's Auction Gallery
              • Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Jun. 18, 2023

                Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Maske eines Großen Mannes Bronze auf Granitplinthe, verso signiert E. Neiz., Exe. 8/8, H. 34 cm, Certifikat Verband d. russischen Kunsthistoriker u. zugehörige beglaubigte Übersetzung, sowie Provinienc d. Herkunft

                Auktionshaus Schwerin
              • Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Jun. 18, 2023

                Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Buch „Schicksal“ 1992, 200 S., mit zahlreichen Zeichnungen, Ausstellungsplakat und Original Foto mit Stempelsignatur W.Woronina, „Treffen mit Gorbatschow“

                Auktionshaus Schwerin
              • Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016), Untitled Bronze Sculpture
                May. 20, 2023

                Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016), Untitled Bronze Sculpture

                Est: $500 - $750

                Attributed to Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian/American, 1926-2016) Untitled Sculpture patinated bronze unmarked 11 3/4 x 7 1/4 x 3 1/4 inches

                Fontaine's Auction Gallery
              • Neizvestnyj, Ernst E. Kentavr.
                May. 13, 2023

                Neizvestnyj, Ernst E. Kentavr.

                Est: - €300

                Neizvestnyj, Ernst E. Kentavr. (Kentaur). Ätztechnik, auf Kartonpapier. Im Druck monogrammiert (kyrill.): "E. N." und datiert. 1968. Motivmaße: 20,5 x 14,5 cm. Blattmaße: 23 x 15 cm. E. Neizvestnyj (1925-2016) gehört zweifellos zu den bekanntesten Künstlern Russlands des 20. Jahrhunderts. Sein in der "Katakombe" erarbeiteter eigener Stil war durch die Nachkriegszeit geprägt. Zunehmende Konflikte mit der sowjetischen Kulturpolitik führten 1962 schließlich zum (vermeintlich "schwulen") Eklat und 1974 zur Emigration in die USA. Sein späteres Werk umfasste auch wieder monumentale Aufträge in Russland. - In der rechten unteren Ecke des Blatts ein nicht identifizierter numerischer Stempel. Im oberen Bereich verso auf braunen Karton montiert. Dort verso in weißer Tinte annotiert (kyrill.).

                Nosbüsch & Stucke GmbH
              • Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Apr. 23, 2023

                Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Maske eines Großen Mannes Bronze auf Granitplinthe, verso signiert E. Neiz., Exe. 8/8, H. 34 cm, Certifikat Verband d. russischen Kunsthistoriker u. zugehörige beglaubigte Übersetzung, sowie Provinienc d. Herkunft

                Auktionshaus Schwerin
              • Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny
                Apr. 23, 2023

                Konvolut Ernst Iosipovitch Neizvestny

                Est: -

                (Swerdlowsk 1925 - 2016 New York, russischer Bildhauer, Maler, Grafiker u. Kunstphilosoph, aus Rußland verbannt) Buch „Schicksal“ 1992, 200 S., mit zahlreichen Zeichnungen, Ausstellungsplakat und Original Foto mit Stempelsignatur W.Woronina, „Treffen mit Gorbatschow“

                Auktionshaus Schwerin
              • Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian, 1925-2016)
                Apr. 20, 2023

                Ernst Iosifovich Neizvestny (Russian, 1925-2016)

                Est: -

                Figures, 1976, Etching, 32 x 64 cm / 46 x 74 cm, Hand-signed, titled and dated

                Yair Art Gallery
              • ERNST NEIZVESTNY (RUSSIAN 1925-2016)
                Apr. 08, 2023

                ERNST NEIZVESTNY (RUSSIAN 1925-2016)

                Est: $12,000 - $15,000

                ERNST NEIZVESTNY (RUSSIAN 1925-2016) Abstract Man bronze, brown patina with mixed media height: 38.1 cm (15 in.) signed and numbered†1/1 PROVENANCE Acquired directly from the artist Sotheby's New York, NY, 12 February, 2007, lot 178

                Shapiro Auctions LLC
              Lots Per Page:

              Auction Houses Selling Works by Ernst Neizvestny